Home Music Lyrics Geolier – NAPO****NO

Geolier – NAPO****NO

DOWNLOAD NAPO****NO by Geolier MP3 MUSIC VIDEO

Lyrics:
[Testo di “NAPO****NO”]

[Intro]
Yeah

[Strofa 1]
Songo ‘e quatto e diece d”o 10 dicembre
Dudice grade a Napule, ‘o sole ce sta sempe
‘E dint’a stu periodo ‘a gente corre in cerca ‘e sorde
Aspettanno ‘o mumento ‘e fá nu colpo ca ce svolta
‘O ladro sta in allerta, ‘o guardio aret’ô ladro
Nu pate vatte ‘o figlio ma p”o fá vení educato
Nun se more rotondo quando se nasce quadrato
Nn”o derizze n’albero si te cresce curvato
‘A mamma aspetta ‘o figlio ‘е notte, ma è routine ormaje
Da quando isso ha fatto ‘a scеlta ‘e guadagná ‘o pane ch”e guaje
Comme na tenda d”a fenesta guarda si isso vene
So’ passate cchiù mise, ma essa ancora spera
Guardie e strada so’ spusate e pe chesto simmo amante
E pe chesto, si me pigliano, me portano ‘int’â gabbia
E pe chesto, si me vide ride, forse si me faccio
Cocche tiro sultanto, ‘o munno se fa cchiù simpatico

Teddy Swims “Lose Control” Official Lyrics & Meaning | Genius Verified

[Ritornello]
Quanno cade ‘a cielo, vuó sulo l’impatto
Pecché saje ca abbascio nisciuno te piglia
Aggio fatto ciente sbaglie, me servesse nu tasto
Pe nun ne fá cchiù ciento ne facesse cchiù ‘e mille
I’ sto cuntanno, sto stanco e me ‘mbroglio
Dimane raddoppio ‘sta cifra
E si dimane muresse, sarraggio sultanto na voce ‘int’â radio che dice

[Strofa 2]
Test dint’â borsa ‘e na guagliona minorenne
Ca s’intende d”e guagliune ‘ruosse e c”o bellu stipendio
‘A mamma c’ha ‘mparato chesto
Pigliate ‘o guaglione brutto però che è bello all’interno
Oppure brutto pure llà ma bello economicamente
‘O guardio scenne, mette ‘o fierro ‘int’â fondina
Mettere ‘o piano in atto c’ammo miso mise primma
L’ambientale parla chiaro, ogge nu frate vene catturato
E forse è popo ‘o figlio ‘e chillu pate ca t’aggio ‘itto primma
L’esito d”o test è negativo, ‘a mamma chiagne, ‘o figlio ride
Tutto parte ‘a comme assuorbe ‘e cose triste, tutto parte ‘a comme piglie ‘e sfide
Nu frate tira dint’â porta, figlio ‘e nu pate che tira linee
10 dicembre, niente va male, nu figlio dice: “Nn’è niente, ma'”
Sta chi tene n’esame e chi n’agguato appriparato
E sta chi nn’tene fame e chi nun magna e sta abbuffato
[Ritornello]
Quanno cade ‘a cielo, vuó sulo l’impatto
Pecché saje ca abbascio nisciuno te piglia
Aggio fatto ciente sbaglie, me servesse nu tasto
Pe nun ne fá cchiù ciento ne facesse cchiù ‘e mille
I’ sto cuntanno, sto stanco e me ‘mbroglio
Dimane raddoppio ‘sta cifra
E si dimane muresse, sarraggio sultanto na voce ‘int’â radio che dice

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here